💙💙"FRI - Dietro le quinte"💙💙 💙💙 Elena Russiello 💙💙

Buongiorno Gattini e Gattine,

oggi è il nostro turno di presentarvi una delle Autrici che potrete conoscere il 13 Marzo 2022, in occasione del Festival del Romance Italiano, Elena Russiello.

Abbiamo fatto alcune domande che pensiamo possano essere utili a chi ancora non conosce questa autrice.

Andiamo a leggere cosa ci ha raccontato…

Elena Russiello:


1) Presentazione: un breve racconto della mia vita

Ciao a tutti, mi chiamo Elena e vivo a Roma da tutta la vita. Sono diplomata in ragioneria ma io e i numeri non andiamo molto d’accordo. Mi ero iscritta alla facoltà di psicologia ma dovendo scegliere tra studio e lavoro la mia voglia di indipendenza ha vinto e ho scelto il secondo.


Nel corso degli anni ho cambiato diversi impieghi e alla fine sono arrivata alla conclusione – con non poche critiche – che un lavoro ordinario, magari seduta dietro ad una scrivania non faceva troppo per me.


Al momento la mia vita si divide tra due grandi amori: i bambini (a cui faccio da baby sitter) e la scrittura. L’amore per tutto ciò che riguarda i libri è nato alle medie, all’improvviso. Nel 2015, a seguito di un brutto periodo, mi sono seduta alla mia scrivania, ho aperto Word e tutto è nato così spontaneamente che non ho più smesso di scrivere storie. Quando dico che i libri cambiano la vita per me è davvero così, mi hanno salvata e non smetterò mai di dire grazie.

Il mio più grande sogno? Vivere solo di scrittura.



2) I luoghi della mia vita

Sono nata e cresciuta a Roma e sento di appartenergli. È casa mia e se ci penso non so se riuscirei a vivere in nessun altro posto. Ho luoghi però dove ho lasciato il cuore e uno di questi è l’Isola d’Elba, dove vive una piccola parte della mia famiglia, dove ho passato tutte le mie estati da bambina. Amo Torino e se potessi, nei mesi invernali, mi trasferirei in montagna per respirare la pace di quei posti e godere dei meravigliosi panorami.


3) Vi racconto i miei libri

Ecco, ogni volta che mi fanno questa domanda dimostro tutta la mia incapacità nel raccontare i miei romanzi. Datemi una storia da scrivere e sono tranquilla, chiedetemi di parlarvene e vado in crisi. Forse non ha senso ma purtroppo è così. Quindi… ci provo, siate clementi. I primi romanzi che ho scritto sono Un principe quasi azzurro e Ti porto nel mio cuore, ambientati in Italia, il primo a Roma e il secondo in un paesino di mare fuori dalla capitale.










Un principe quasi azzurro è un romance puro, una storia senza troppi drammi, spero divertente che riesca sempre a strappare un sorriso a chi lo legge.

















Ti porto nel mio cuore segna un po’ la mia entrata nel genere contemporaneo, è la storia che rappresenta più di tutte un momento particolare della mia vita, l’elaborazione del lutto, la fatica nel lasciarsi andare. È un romanzo che mi ha dato tanto e a cui ho dato tutto.









La serie Fighters (composta da Non m’innamorerò mai di te, Inciso sulla pelle e Questo è il nostro tempo) è il mio pupillo e anche se dicono che non si può scegliere tra i propri romanzi il preferito, io invece sceglierei loro. È la serie che ha dato vita a quella successiva, la Warriors, composta da Tra le tue braccia, Hurricane e l’ultimo che deve uscire nel 2022.


In tutti questi romanzi troverete temi importanti, uomini e donne segnati, che hanno sofferto, con cicatrici, dolori e problemi, ma che hanno la forza e la capacità di non mollare, di lottare e tornare ad amare.

Un bacio sotto il temporale è stato una sfida per me. Pubblicato prima con una casa editrice, una volta ripresi in mano i diritti, ho stravolto la storia, aggiungendo capitoli e dando una nuova vita ai personaggi. È una sfida perché non parla di un nuovo amore, parla di un amore sopito, parla della frenesia della quotidianità che molto spesso ci travolge e ci fa dimenticare chi siamo e cosa è davvero importante.


4) Come nascono i miei personaggi

I miei personaggi nascono per lo più dalla mia fantasia e sono i primi che prendono forma nella mia testa. Mi piace caratterizzarli nei minimi dettagli, donare loro mille sfumature, renderli imperfetti e quanto più reali agli occhi del lettore. Lascio che mi guidino all’interno del romanzo, scrivendo quella che sarà effettivamente la loro storia.


5) Mentre cosa ci dici delle storie che scrivi, da dove nascono, da dove trai ispirazione?

Dal nulla e da tutto. Da immagini, suoni, rumori, pensieri. A volte mentre sono in fila alla cassa di un supermercato, sotto la doccia (mi è capitato con più scene dei miei romanzi, credetemi), mentre mangio o parlo o ascolto le persone. L’ispirazione è una cosa strana ma ogni volta che arriva la colgo e riempio pagine e pagine di quaderni, o molto più comunemente, scrivo su post it svolazzanti in giro per casa.


6) Dicci una o più cose che non sappiamo di te ma che dovremmo sapere:

- Amo il caffè, ne sono dipendente.

- Quando scrivo ho bisogno di un rumore di sottofondo ma che sia lieve, mi aiuta a concentrarmi.

- Sono una persona mattiniera, mi piace svegliarmi presto anche di domenica, sì.

- Un giorno vorrei andare a New York, Londra e Parigi.


Concludiamo questo viaggio nella tua vita chiedendoti.. cosa dicono di te?

Che sono testarda, orgogliosa e incredibilmente disorganizzata. Lavoro meglio sotto pressione, se non ho scadenze procrastino in maniera assurda. Per quanto riguarda la scrittura e i miei libri dicono che emoziono e non c’è complimento più bello che mi si possa fare.

Le Gatte ringraziano Elena Russiello per la disponibilità e l'autorizzazione ad usare il materiale da lei fornito. Vi ricordiamo inoltre di seguire tutte le presentazioni degli autori del FRI visitando i Blog sponsor, di seguito il programma settimanale:


LUNEDÌ: OPINIONI LIBROSE

MARTEDÌ: TRE GATTE TRA I LIBRI

MERCOLEDÌ: LIBRI MAGNETICI

GIOVEDÌ: LA BOTTEGA DEI LIBRI

VENERDÌ: LE CERCATRICI DI LIBRI

SABATO: I CREWPLAY LIBRI

DOMENICA: IL RUMORE DEI LIBRI



1 visualizzazione0 commenti

Thanks! Message sent.

Collaborazioni