top of page

"𝓛𝓪 𝓵𝓲𝓫𝓻𝓮𝓻𝓲𝓪 𝓭𝓮𝓰𝓵𝓲 𝓪𝓶𝓸𝓻𝓲 𝓻𝓲𝓽𝓻𝓸𝓿𝓪𝓽𝓲" 𝓭𝓲 𝓑𝓪𝓻𝓫𝓪𝓻𝓪 𝓑𝓸𝓷𝔃𝓲

Aggiornamento: 3 mag 2023

Amici delle Gatte buongiorno e buon inizio settimana!

La nostra Pilou oggi ci parla della sua ultima lettura, "La libreria degli amori ritrovati" di Barbara Bonzi, pubblicato da Land editore. Curiosi di sapere cosa ne pensa... andiamo a leggere..

SCHEDA LIBRO:


TITOLO: La libreria degli amori ritrovati

AUTORE: Barbara Bonzi

EDITORE: Land Editore

GENERE: Contemporary romance, second chance

FORMATO: ebook e cartaceo

PREZZO: 2,99€ - 15,90€

DATA DI PUBBLICAZIONE: 23 aprile 2023

LINK ACQUISTO EBOOK AMAZON: https://amzn.to/3LvifeJ

LINK ACQUISTO CARTACEO AMAZON: https://amzn.to/3V9BFcd


SINOSSI:


Perdere l’amore della vita per una gelosia infondata: quando Stefano, grazie al fortuito ritrovamento di un diario, scopre l’errore che ha commesso, decide che deve ritrovare Sara.


Non importa se il suo mondo andrà in pezzi, né quanto le persone accanto a lui possano restare ferite da questa scelta.


E allora via dall’Italia, per cominciare un lungo viaggio che lo porterà in Irlanda.


Sarà lì, dopo una lunga ricerca, che riuscirà infine a trovare la sua donna. Adesso è deciso, Stefano, a non sciupare questa seconda occasione.


Peccato che ora nella vita di Sara ci sia il tenebroso John, che darà al ragazzo del filo da torcere, anche se si sa, certi amori fanno giri immensi e poi ritornano…


Tra ricordi di guerriglia, la fuga da una Casa Magdalene, un concorso letterario, un B&B sommerso dai debiti e l’amata libreria in cui lavora, Sara ritroverà non solo se stessa, vincendo la tentazione di scappare ancora una volta dai problemi, ma anche l’amore di Stefano, che pur di vederla felice è pronto a tutto… tranne rinunciare a lei.

Buongiorno a…mici, eccomi a parlarvi di una storia che ha un vero e proprio intreccio di cuori.

È il primo romanzo della Land Editore che leggo e devo dire che il testo è curato. Mi lascia un po’ perplessa il titolo rispetto al contenuto, ma forse è una cosa voluta per lanciare la fantasia del lettore oltre la bellissima Irlanda che fa da sfondo alla storia tra Stefano e Sara.

Ho apprezzato l’originalità dei primi capitoli, dove Stefano ritrova per puro caso a Milano le pagine di un diario, conservate in un portafoglio perduto da chissà chi. In realtà, chi le ha scritte conduce il protagonista a cinque anni addietro, ai tempi degli studi, a una giovane che ha amato e che al contempo ha allontanato: Sara. Leggere quelle righe lo assorbe, lo riporta a un periodo che non ha mai dimenticato e che gli fa mettere in discussione tutto il suo presente.

Ma Sara dov’è finita?

Non sarà semplice per Stefano trovarla, e soprattutto sganciarsi da Anna, la sua compagna. Una sola cosa è certa: se non chiarirà ciò che è rimasto in sospeso con la ragazza che ha amato da universitario, non potrà guardare avanti. Sara, dopo alcuni anni vissuti per lavoro a Milano, è fuggita dalla metropoli lombarda. I suoi sogni sono altri e, seguendo l’istinto o solo un colpo di testa, vola in Irlanda. È lì che il suo destino, ossia quello che ha sempre agognato di fare senza neppure saperlo, la attende.

E dopo due anni tra campagne e oceano, sa che non tornerà più in Italia, anche perché in quella terra meravigliosa e intrigante ha trovato finalmente l’amore con John, un ragazzo che a sua volta è stato provato nei sentimenti nella maniera più dura. Stefano, Sara, John, ma anche Anna e poi Liz, la donna che ha tradito John in passato, si incontreranno in terra d’Irlanda, ognuno lì per un motivo ben preciso: difendere il proprio amore o riconquistare quello perduto.

Gli errori, nella vita, sono all’ordine del giorno, soprattutto quando si è giovani. A volte l’impulsività gioca brutti scherzi: non consente di pazientare e magari quello che è veramente importante si manda alla malora, vuoi per orgoglio, vuoi per immaturità. Oppure si preferisce fuggire anziché affrontare. Ritrovarsi a fare i conti con i sentimenti in età più matura, o quando si hanno altri progetti, porta solo scompiglio.

Sara, che vive in un B&B gestito da John e suo padre adottivo Sam, non ha idea di quanto sarà sconvolta la propria quotidianità nel momento in cui anche Stefano soggiornerà lì. E neppure lavorare alla creazione dei profumi o saltuariamente in una libreria l’aiuterà a non pensare al bell’italiano giunto sin là per un torneo di rugby. O almeno questa è la spiegazione ufficiale. Tuttavia, anche John ha il suo daffare, diviso tra la donna che ha accanto adesso e quella che torna dal suo passato. In un insieme di pagine che tengono in sospeso come sono in sospeso gli animi dei protagonisti, il lettore prova a scoprire come si comporrà il puzzle, visto che fino alla fine l’autrice non consentirà di comprenderlo appieno. C’è sempre qualcosa che cambia all’ultimo, come quel piccolo tassello che vorresti si incastrasse e invece non è quello giusto.

Le descrizioni dei paesaggi sono ben dosate e, benché non siano molte, permettono di volare con l’immaginazione alle distese di campi verdi che si scontrano con il blu del mare, che spesso si accende del colore del sole al tramonto. Nel mezzo, poi, il profumo dell’erba tagliata, o di quella bagnata dalla pioggerella tipica del posto, che si mescola con l’odore del temporale o dell’oceano.

Ho amato in maniera incondizionata il personaggio di Sam per la sua pacatezza, per la sua costante presenza, ma soprattutto per la sua saggezza. Una saggezza nata dalla sofferenza per un amore intenso e incondizionato per l’unica donna della sua vita, la sola per la quale continua a vivere.

La libreria degli amori perduti è un romanzo che, nella sua semplicità, invita ad aprire gli occhi, a capire cosa è depositato in fondo al nostro cuore, stracciando la patina che troppo spesso ci impedisce di godere appieno delle piccole cose che ci sono offerte ogni giorno dal destino.

Amare non è solo provare un sentimento per qualcuno: amare è fidarsi, è avere il coraggio di dimenticare i torti subiti e comprendere che dietro a ogni azione c’è sempre una spiegazione, magari proprio quella che ci è sfuggita, portandoci a giudicare; amare è lasciare andare chi si ama, se questo significa vedere l’altra persona realizzata e felice.

Ma l’amore, a volte, arriva pure inaspettato, e travolge ogni progetto ben pianificato… dove i sentimenti non erano per nulla contemplati.

Consiglio questa lettura a chi cerca una storia che, nella sua leggerezza, tiene sulle spine, e a chi ama immergersi nelle atmosfere irlandesi, tra un boccale di Guinness e una passeggiata campestre.

Questa è la canzone che la nostra Pilou vi consiglia di ascoltare durante la lettura: Amici mai di Antonello Venditti.

Le Gatte ringraziano la Land editori e Barbara Bonzi per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.


72 visualizzazioni0 commenti

Komentáře


Thanks! Message sent.

Collaborazioni

bottom of page