𝓡𝓮𝓿𝓲𝓮𝔀 𝓣𝓸𝓾𝓻 - "𝓛𝓮𝓷𝓽𝓸 𝓲𝓷𝓪𝓯𝓯𝓮𝓻𝓻𝓪𝓫𝓲𝓵𝓮" 𝓭𝓲 𝓜𝓪𝓻𝓽𝓪 𝓐𝓻𝓿𝓪𝓽𝓲

Amici delle Gatte partecipiamo oggi al Review Tour dedicato al nuovo libro di Marta Arvati "Lento inafferrabile", pubblicato per la collana Brightlove di PubMe il 27 ottobre.

Per il Blog lo ha letto la nostra Sheila, andiamo a vedere cosa ne pensa.....

SCHEDA LIBRO:


Titolo: Lento Inafferrabile

Autore: Marta Arvati

Editore: PubMe

Collana: Brightlove

Genere: Romance

Formato: Ebook

Prezzo: 2,99€

Data di pubblicazione: 27 ottobre 2020

Link di acquisto: https://amzn.to/3an8Q6H


TRAMA:


Ci sono cuori strappati che da soli non sanno ricomporsi, bordi frastagliati che non combaciano più. Io ero così, prima di incontrare Tristan, e per quanto provassi a rimettere insieme i pezzi, mancava sempre

qualcosa.”


Dicono che quando intraprendi un viaggio, non sia tanto la destinazione, ma il viaggio in sé, a cambiarti dentro e che soprattutto, dopo, non sarai più lo stesso.


Quando Tristan Dawson e suo fratello maggiore Jay, troveranno al posto del proprio padre, una lettera che è più l’itinerario di un viaggio da intraprendere insieme, non riusciranno ad afferrare il senso di quello strano regalo.


Ma, anche se per motivi completamente diversi, alla fine accetteranno quella bizzarra avventura. Tra di loro non scorre buon sangue e questo sarà palese fin dalla prima tappa a Richmond, dove s’imbatteranno in Allyson Camden. Anche lei, alle prese con il suo viaggio on the road post laurea, deciderà (sebbene con estrema diffidenza) di unirsi ai due fratelli, dopo essere rimasta a terra con la propria auto.


Tappa dopo tappa, i loro cognomi, le loro radici, i loro ricordi, finiranno per sovrapporsi, portando alla luce una conoscenza che li ha visti uniti fin da bambini, ma divisi dal tempo e dalle circostanze. Sarà allora che ogni scelta del destino sembrerà quella giusta, soprattutto quando il più schivo dei fratelli Dawson attirerà l’attenzione della fragile Allyson.


Ma se per una volta quello stesso destino avesse avuto un piccolo e insospettabile aiuto e se davvero la meta di un viaggio non fosse solo un luogo?

Ricordate quello che si dice?


Esatto: non si è più gli stessi dopo.

E forse è proprio questa la parte migliore.

a cura della nostra Sheila:


Buongiorno amici ed amiche delle Gatte, vi parlo oggi del nuovo romanzo di Marta Arvati, "Lento inafferrabile", se avete voglia di fare un viaggio nei sentimenti bene allora allacciate la cintura, accendete la radio e venite con me.


Si dice che quello che conta del viaggio non sia la metà bensì il viaggio stesso, ed è quello che pensa il padre di Jay e Tristan che con una sorta di "ricatto" costringe i due figli a salire su una macchina ed intraprendere un viaggio di sei mesi, fianco a fianco, con delle tappe da lui prestabilite.


Jay e Ty sono due fratelli che da anni non hanno più alcun tipo di rapporto, sono agli antipodi, due opposti. Tristan ama studiare, alle persone preferisce un buon libro, Jay invece è il classico ragazzo che ama divertirsi, sfrontato e sicuro di se.

Da bambini erano inseparabili, uno era la mente e l'altro il braccio, ma i rapporti tra i due si incrinano quando Ty sceglie di partire per l'università, allontanandosi dalla sua famiglia ma soprattutto da suo fratello. Jay invece ha scelto di rimanere accanto al padre e lavorare con lui nell'officina di famiglia e non ha mai perdonato il fratello per la scelta fatta.

I due ragazzi partono assecondando la richiesta del padre che comunicherà a loro durante il viaggio la tappa successiva che dovranno raggiungere e quanto tempo dovranno fermarsi. In questa caccia al tesoro itinerante i due ragazzi saranno costretti a convivere e a supportarsi a vicenda, saranno anche obbligati a lavorare per mantenersi e per proseguire il viaggio.


Ma non saranno soli, perché fin da subito si unirà a loro Allyson, anche lei in viaggio dopo la laurea e alla ricerca di qualcosa che ancora non sa.

Un viaggio tra rivelazioni, colpi di scena, sentimenti, ricordi, che porterà i nostri protagonisti a guardarsi dentro, a riflettere, a conoscersi e a riconoscersi.

Una caccia al tesoro ma in palio non ci sarà un oggetto, bensì il futuro dei protagonisti.

Non è il primo romanzo di Marta Arvati che mi ritrovo tra le mani, ma posso affermare che il suo stile migliora di romanzo in romanzo.

La scrittura è sempre più fluida e matura e le sue storie sono sempre più affascinanti e romantiche. Anche questa è una storia molto delicata e introspettiva e i personaggi sono caratterizzati alla perfezione, attraverso i pov alternati il lettore è in grado di vivere quello che loro stessi vivono, i loro pensieri, il loro cambiamento.


Mi sento di consigliare vivamente questo romanzo a tutte le persone che credono che in un viaggio " La meta non è un posto Ma è quello che proviamo. E non sappiamo dove nè quando ci arriviamo" come in un testo di Marco Mengoni.


Buona lettura la vostra Sheila

Le Gatte ringraziano Marta Arvati e la Brightlove per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.



15 visualizzazioni0 commenti

Collaborazioni

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon