"🅸🅻 🆂🅰🅻🅾🆃🆃🅾 🅳🅴🅻🅻🅴 🅶🅰🆃🆃🅴"

Amici delle Gatte buongiorno.

Inauguriamo oggi una nuova rubrica.... "Il salotto delle Gatte".

Questa rubrica nasce dall'idea di confrontare i nostri pensieri con i lettori, su fatti più o meno odierni, cose frivole, cose importanti o qualsiasi altra cosa passi a noi per la testa....... Speriamo di avere avuto una buona idea e di trovare il vostro consenso.... fatecelo sapere commentando i nostri articoli, e se avete qualcosa da dire anche voi scriveteci.........!

Il nostro primo articolo e della nostra Pilou

HOTWIFE SI - HOTWIFE NO

(di Tiziana Lia)


Sappiamo tutti che il mondo sta cambiando, che viviamo in un’epoca in cui tutto è lecito o quasi, dove vige la regola della libertà individuale in ogni campo, tuttavia un articolo apparso qualche giorno fa su un quotidiano on line ha creato scalpore.

Mi riferisco alla dichiarazione di una giovane ventiduenne che ha scatenato un dibattito sui social dopo aver rivelato di essere una “hotwife”.


Infatti, la ragazza ha affermato di avere rapporti intimi con altri uomini dietro consenso del proprio marito.


Oggigiorno è sempre più normale, a quanto pare, imbattersi in coppie aperte, in coppie che frequentano locali di scambisti, coppie che non si fanno problemi a “giocare” con altre a qualsiasi livello.


In molti dichiarano che certe situazioni aiutano a rinvigorire il rapporto intimo e a beneficiarne è proprio la vita quotidiana in una relazione.


Vero pure che, se si arriva a certe scelte, entrambi i coniugi o i congiunti camminano sulla stessa lunghezza d’onda, altrimenti si tratta di “imposizione” e verrebbe violata la libertà dell’altro.

Anche in Italia sono sempre più colmi i club privè, sono sempre più frequentati i siti di incontri, sono sempre più cliccati quelli di scambi di coppia.


Ma vivere il sesso in maniera “differente” e con altre persone che non siano il proprio compagno o la propria compagna, aiuta davvero la coppia?

Serve veramente a rinverdire il rapporto quotidiano?


C’è chi dice che dietro a questi tentativi ci siano anche dei pericoli. Uno su tutti: che la questione sfugga di mano.

In molti affermano che senza un buon sesso non si va da nessuna parte perché fondamentale, che senza un’ottima intesa qualsiasi unione crolla. Altri sono convinti che se una coppia sceglie di cercare sesso al di fuori delle mura domestiche ci sia qualche problema di fondo nel rapporto stesso dei due e nella loro quotidianità.


E se a furia di provare emozioni con un altro uomo o con un’altra donna uno dei due decidesse di mollare il partner?


La “hotwife” ha dichiarato che è stato il marito a chiederle di intrattenersi con altri uomini, e che lei lo ha fatto solo nel momento in cui si è sentita pronta, dopo circa un anno di continue richieste da parte della sua dolce metà.

Sin da quando ha cominciato, sembrerebbe che sia stata la ventiduenne a decidere con chi andare, perché il marito non l’avrebbe mai costretta a fare con altre persone quello che lei non vuole.


Oggi per la giovane è normale avere rapporti con sconosciuti e lo fa con piacere perché sa che comportandosi così rende felice il proprio marito. Unica regola da rispettare impostale è che tali incontri debbano restare occasionali.

Detto questo, parrebbe che il consorte abbia, a sua volta, deciso di restarle fedele.

La polemica è esplosa perché qualcuno ha dichiarato che “se c’è il consenso del marito non è tradimento” e altri hanno ribadito che “seppure si tratti di una coppia aperta, il consorte resta comunque un cornuto”.


Nell’epoca moderna dove vige anche il poliamore, dove la monogamia è davvero in crisi, c’è da chiedersi quanta parte della società sia ancora disposta alla fedeltà, quante persone credano ancora nell’unione e nei sentimenti, e non in quella sorta di “finché va” con tanto di spallucce.

Da quello che si legge in giro, da quello che emerge dalle confessioni più intime, sembra che certe “abitudini” non siano poi così poco seguite. Sempre più coppie praticano simili espedienti, molte più di quante si credano.


Eppure la ventiduenne ha pure ammesso che in genere un certo stile di vita non è scelto dalla donna, ma dall’uomo, perché vedere la propria donna con altri uomini (o saperla con loro) è più una fantasia tipica dei maschi.


Di qui la domanda: in certi frangenti si è davvero liberi di scegliere cosa fare e cosa no?

È libertà spingersi a compiere qualcosa solo per compiacere chi ci sta accanto?

Voi cosa ne pensate? Aspettiamo i vostri commenti...... ci vediamo presto per il prossimo articolo, chissà di cosa ci parlerà la nostra Birba questa volta......!

16 visualizzazioni0 commenti

Thanks! Message sent.

Collaborazioni