top of page

"𝓘𝓵 𝓭𝓸𝓵𝓸𝓻𝓮" 𝓭𝓲 𝓙.𝓜. 𝓓𝓪𝓻𝓱𝓸𝔀𝓮𝓻

Amici delle Gatte la nostra Pilou oggi ci parla della sua ultima lettura, "Il Dolore" di J.M. Darhower, secondo romanzo che conclude la dilogia "Cicatrici", pubblicato da Hope edizioni il 25 marzo. Curiosi di sapere cosa ne pensa.. andiamo a leggere..

SCHEDA LIBRO:


Titolo: Il dolore

Autore: J.M. Darhower

Editore: Hope edizioni

Serie: Le Cicatrici #2

Genere: Mafia Romance

Formato: ebook

Prezzo: 3,99€

Data di pubblicazione:  25 marzo 2024

Link di acquisto ebook Amazon affiliazione: https://amzn.to/3UGUQvw


TRAMA:


Morgan Myers è stanca di essere sfruttata e maltrattata da chi le sta accanto.


Decisa a riprendersi la vita che le è stata sottratta, si affida al famigerato Scar, un uomo che tutti temono, non solo per la violenza di cui è capace, ma anche per via del suo volto sfregiato. Morgan però non ha paura di lui, perché, oltre la facciata che lo fa sembrare un mostro, riesce a scorgere la sua umanità.


E ciò che vede le piace.

Molto.

Forse, persino troppo.


Quando il passato di Morgan tornerà a farsi vivo con i suoi orrori, sarà proprio Lorenzo a vestire i panni dell’eroe e salvarla.


Morgan capirà quindi che dovrà giocare il tutto per tutto per conquistare il cuore dell’uomo.

Riusciranno i due ad avere il loro lieto fine?


Eccomi a…mici, a parlarvi del secondo volume della dilogia Cicatrici di J.M. Darhower. Non è trascorso molto tempo da quando ho letto il primo, dal titolo La minaccia, e sono molto felice di non aver dovuto attendere per sapere come sarebbe finita la storia tra Mogan e Lorenzo.


La copertina, come potete notare, è molto simile a quella del primo volume, cambia solo il colore della rosa dietro al vetro rotto.


Mi piace pensare al colore differente per spiegare che di fatto entrambi i protagonisti sono cambiati nel frattempo. Le esperienze li hanno maturati, hanno aperto i loro cuori, hanno soprattutto fatto spalancare i loro occhi su qualcosa di nuovo.

Se nel primo volume abbiamo incontrato Morgan e l’abbiamo conosciuta come una ragazza dedita agli spogliarelli, in fuga da qualcuno che le vuole male, e rifugiata a casa di Lorenzo Gambini, uno spietato mafioso, in questo le cose si complicano.

Ho quasi chiuso la precedente recensione affermando che a poco a poco il lettore nota il cambiamento dei due personaggi principali, e in questo il mutamento si fa sempre più forte. Tuttavia, qui rincontriamo – e conosciamo meglio – Kassian Aristov, l’uomo che è pronto a tutto pur di avere di nuovo accanto a sé Morgan.


Ma chi è? Un assaggio della sua crudeltà l’abbiamo già avuto nel primo volume, e ribadisco che non si può leggere questo senza aver letto La minaccia. Qui, però, le cose diventano davvero spietate, e per tale motivo sconsiglio la lettura a chi ha un cuore debole.


Ho visto in questo romanzo due uomini a confronto, due uomini – Kassian e Lorenzo – che si scontrano per la stessa donna. Non pensate però alle solite storie. No, no. La Darhower ha creato due personaggi forti e diversi, rudi e determinati, ognuno con il proprio comportamento criticabile all’ennesima potenza, ma proprio per questo ben costruiti e descritti.


Un amore malato contro uno che nasce piano piano, e che sboccia. Un fiore presente, ma che solo alla fine costringe Lorenzo a fare i conti con qualcosa cui non è abituato.

Lui non ama, se non il fratello minore. La sua famiglia sono i suoi uomini, quelli che bazzicano in casa sua come se fosse la loro e sempre pronti a morire per lui. Eppure anche nelle migliori famiglie ci può essere la pecora nera…


Morgan lotta contro la forza che vuole soverchiarla, ma non si arrende. Non si piega, anche se Kassian l’ha spezzata in più punti e più volte nell’arco della vita. Se prima aveva un motivo per vincere contro quel mostro, adesso ne ha due. Lorenzo le è entrato sottopelle ed è anche per lui che resiste. Deve e vuole farlo.

Le pagine sono piene di suspense, di violenza e di dolore – da qui credo nasca il titolo. Ero talmente presa dalla storia e allo stesso tempo timorosa di quello che poteva accadere nei diversi scontri che a un tratto ho pensato che non sarei riuscita a finire il romanzo: adrenalina a mille.


Soprattutto perché di mezzo c’è un personaggio che appare in maniera più chiara alla fine del primo volume e che in questo riempie le pagine e il cuore del lettore di tenerezza.


Abbiamo quindi da una parte Morgan e il suo desiderio di felicità, di riprendere davvero in mano l’esistenza e cambiarla del tutto, anche se fino a poco tempo prima è stata una ladra, una prostituta, una donna violata anche nella psiche.

Dall’altra c’è Lorenzo e la determinazione a proteggerla, a salvarla, a donarle la vita che ha sempre sognato, sebbene abbia anche deciso che lui non ne farà parte perché lui non è la persona giusta, lui è sbagliato e sbaglia in ogni rapporto umano. Lui vive bene solo con la sua pistola in mano e non prova sentimenti…


“È torturato, contorto, annodato, troppo occupato a prendersi a calci in culo, ma molte persone questo non lo notano, perché non lo guardano sul serio. Si voltano non appena vedono la superficie, terrorizzati, perché ciò che mostra al mondo può essere davvero spaventoso. Se si soffermassero un istante a guardarlo davvero, però. Capirebbero cosa intendo. Crederebbero a ciò che credo io.”


Lorenzo non sa e non desidera sapere cosa pensi di lui Morgan. Eppure mi sono ritrovata a considerare la stessa identica cosa, perché lentamente la corteccia che lo avvolge si sbuccia e basta davvero poco per notare cosa c’è sotto, quello che si nasconde, il vero essere di una persona.


“…io vedo ciò che la gente non si disturba a cercare in lui, dando per scontato che non ci sia. Io vedo la sua coscienza. La sua compassione. Ho sentito il suo cuore battergli forte nel petto, quel battito che lui tenta disperatamente di zittire per evitare che chiunque lo senta.”


Adrenalina, accordi segreti, collusioni, suspense, sesso: questi sono gli elementi che caratterizzano la dilogia, eppure nell’insieme ho trovato il tutto una bellissima storia che si costruisce pezzo dopo pezzo come il puzzle che Lorenzo adora comporre. Una storia che parla di amore vero, di un amore malato, di sentimenti forti, di amicizia, di lealtà e di cadute, ma anche di risalite, di fiducia, di speranza.


E adesso, cari a…mici, a voi la lettura!


Le Gatte ringraziano la Hope edizioni per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.


4 visualizzazioni0 commenti

Comments


Thanks! Message sent.

Collaborazioni

bottom of page