top of page

"𝓜𝓪 𝓵’𝓪𝓶𝓸𝓻𝓮 𝓷𝓸!" - 𝓒𝓲𝓷𝔃𝓲𝓪 𝓛𝓪 𝓒𝓸𝓶𝓶𝓪𝓻𝓮

Amici delle Gatte la nostra Birba oggi ci parla della sua ultima lettura, "Ma l’amore no!" il nuovo libro di Cinzia La Commare, pubblicato in self publishing i primi di aprile. Andiamo a conoscere il suo pensiero..

SCHEDA LIBRO:


Titolo: Ma l’amore no!

Autore: Cinzia La Commare

Editore: self publishing

Genere: rosa - chich -lit

Formato: ebook - cartaceo CF - CR (disponibile per gli abbonati a KU)

Prezzo: 0,99€ - 9,99€ - 19,90€

Data di pubblicazione: 04 aprile 2024

Link di acquisto ebook Amazon affiliazione: https://amzn.to/4cFdSct

Link di acquisto cartaceo CF Amazon affiliazione: https://amzn.to/3TNiuEY

Link di acquisto cartaceo CR Amazon affiliazione: https://amzn.to/3J3haZF



TRAMA:


Plum Berrycloth ha trentacinque anni e si prepara per diventare un’ispettrice gastronomica, ma le sue ambizioni e il lavoro nella redazione di una importante rivista culinaria di Lubecca hanno finito per assorbirla completamente mandando a rotoli la sua vita sentimentale, e adesso rischiano di farlo con la sua carriera.


Costretta a un periodo di ferie, Plum si trova a rimettere piede a Langeneß,

l’isola dove ha trascorso molte estati da bambina, e dove lei e Dominik erano diventati amici.


Dopo dieci anni in giro per l’Europa, anche Dominik Baumann è ritornato sull’isola. Ha rilevato il vecchio ristorante ed è risoluto a riprendere in mano le sue aspirazioni troppo a lungo messe da parte, proponendo un menù a dir poco particolare e che scatena la vena critica di Plum, che non riconosce subito l’amico d’infanzia dando così inizio ai battibecchi e recriminazioni dettate dai vecchi rancori.


Langeneß non è l’oasi di pace che immaginava Plum quando ha deciso di raggiungerla. Gli abitanti sono più attivi che mai e finiranno per trascinare lei e Dominik nell’organizzazione degli eventi legati alle tradizioni dell’antica Frisia, ma non sarà l’unico motivo per cui dovranno lavorare fianco a fianco davanti ai fornelli sostenendosi a vicenda.


Dopo essersi persi e dimenticati una volta, in un intreccio di passioni, di segreti, malintesi e riscoperte, Plum e Dominik dovranno imparare a fidarsi di nuovo l'uno dell' altra e a lasciarsi andare al sentimento che ancora li unisce dopo vent’anni, per riscoprire il vero significato della felicità e della realizzazione personale.


A volte, è necessario tornare alle radici e ai legami del passato per ritrovare se stessi.

Miciolosi, dopo diversi libri dark romance e polizieschi m/m, avevo proprio bisogno di un libro come quello di Cinzia La Commare, una certezza per i romanzi d’amore.


Posso subito dirvi che sono rimasta molto colpita dalla scelta dell’autrice per l’ambientazione del libro: Langeneß (un comune di 121 abitanti dello Schleswig-Holstein, in Germania, appartenente al circondario (Kreis) della Frisia Settentrionale) non è certo New York. Tuttavia, malgrado sia una scelta inusuale, mi ha fatto sentire un po’ “a casa”, forse perché anche io abito in un paesino di pochi abitanti, anche se posso contare sull’uso dell’auto (che invece è precluso a Plum), e forse è perché mi piace molto l’atmosfera che crea, con la zia Idis e le sue amiche attempate che frequentano un corso di tango “olistico” (che sarà mai) gestito da Juan Carlos, un (gran pezzo di) latino che chissà come mai si trova nella nebbia della Frisia tedesca…

Plum è in quel punto della sua vita in cui è in stallo: il marito Didier l’ha lasciata una sera di anni prima senza una spiegazione, senza un biglietto e questo l’ha portata a buttarsi sul lavoro per contrastare il senso di precarietà derivato da questo abbandono improvviso. Sta arrancando sul lavoro, è precisa e puntuale nella consegna degli articoli per la rivista per cui lavora, ma è diventata una caffeinomane con le occhiaie che sembrano blu come la notte ed enormi come due valige Louis Vuitton.


È per questo che la sua titolare, Wanda, le intima di prendersi una vacanza… e lei, a malincuore, è costretta a ubbidire e, rivangando vecchi ricordi, decide di tornare dalla zia Idis nell’isola che l’ha vista crescere e che le è rimasta nel cuore.


“Nelle estati che ho passato qui ho avuto un solo compagno di giochi: il figlio del postino che deve essere andato in pensione dato che al suo posto oggi c’era quel tizio.”


Ma potete immaginare una ultra-trendy-stakanovista giornalista in un paesino di poche anime, irraggiungibile in auto?

Ecco, come pensavo, infatti si trova subito in difficoltà e per salvarsi chiede aiuto a un “tizio” (che non riconosce su due piedi…ma lui riconosce lei…)


“Controllata è il modo esatto per descrivere la donna che, a parte i lineamenti del viso, sembra non abbia conservato niente della bambina che si divertiva a giocare nel pantano insieme a me, dopo un temporale estivo.”


Dominik ha girato il mondo per dieci anni e ha deciso di tornare nel suo paese natale, ha rilevato un ristorante in fallimento e sta cercando di trovare la sua strada. Tutto si aspetta tranne che di trovare la sua compagna di giochi spericolati da bambini, la sua Plum Berrycloth, la ragazza che non ha mai dimenticato… al porto.


Ma lei sembra aver dimenticato lui… e questo lo fa davvero imbufalire, tanto da diventare talmente acido e incostante da metterle i bastoni tra le ruote.

Plum vorrebbe avere un attimo di tregua durante questa vacanza obbligatoriamente senza tecnologia, e zia Idis e le sue amiche non hanno intenzione di lasciarla stare (al punto da ritrovarsele in camera una mattina – scena esilarante), ma riesce comunque a trovare i ricordi di una infanzia dimenticata, di un’amicizia che la riporta a un periodo felice della sua vita, prima della perdita di sua mamma.


Immaginate quindi la sorpresa quando scopre che il giovane che l’ha aiutata è proprio “quel” Dom della sua infanzia…


E il riconoscerlo porta a galla un periodo meraviglioso e un sentimento abbandonato… ma con la complicità di “aiutanti” inaspettati, potrebbero anche “saltare il fosso” …basterebbe abbandonarsi all’irrazionale e avere coraggio…

Tra articoli culinari e una cena a base di spaghetti e susine, preparatevi a godervi una storia piena di dolcezza e di…patate.


Se volete vivere una storia dolcissima e romanticissima, piena di buoni sentimenti, di umorismo e di dolcezza, questa è la storia che fa per voi.


Un abbraccio e buona lettura

Birba

Questa è la canzone che la nostra Pilou vi consiglia di ascoltare durante la lettura:  Rome wasn’t built in a day (morcheeba)


Le Gatte ringraziano Cinzia La Commare per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.


4 visualizzazioni0 commenti

Comments


Thanks! Message sent.

Collaborazioni

bottom of page