"Un vizio innaturale" di K. J. Charles

Amici delle Gatte la nostra Birba oggi ci parla del libro "Un vizio innaturale", secondo volume della serie Sins of the Cities, pubblicato da Triskell edizioni.

Andiamo a leggere cosa ne pensa....

a cura della nostra Birba:


Miciolosi, possono due uomini di diversa estrazione sociale, diversa cultura, che svolgono attività completamente diverse e che si disprezzano reciprocamente, scoprirsi attratti l’uno dall’altro?


Nathaniel è un giornalista, figlio di un uomo di Chiesa, con studi accademici alle spalle e un lavoro onesto. Lo incontriamo mentre cerca di svelare gli imbrogli dei cosiddetti “veggenti” nella città più nebbiosa d’Europa, Londra, per smascherarli.


Per portare a termine il suo incarico, decide di iniziare dal veggente al momento più in voga della città, Justin Lazarus. Una sera si reca nel suo studio per partecipare ad una seduta: il veggente sorprende Nate non solo con i suoi trucchi, ma anche con i suoi occhi grigi, il suo sorriso impertinente, il suo fare seducente. Anche Justin rimane intrigato dal giornalista, sebbene il suo passato lo abbia reso duro nei confronti degli estranei, che lo hanno sempre sfruttato sin da giovane.


Questo sottile gioco di attrazione/repulsione tra i due protagonisti si evolve quando Justin diventa “persona informata dei fatti” in un caso di eredità che coinvolge Clem, l’amico di Nate, e la sua famiglia e si ritrova a dover chiedere aiuto al giornalista.

Nella casa di campagna della famiglia di Nate dove l’aria è pulita e dove i due uomini possono fare lunghe passeggiate nei boschi vicini, il sentimento che li lega si trasforma, diventa più profondo, nonostante cerchino di nasconderlo a loro stessi.

Ma forse è il momento per entrambi di fare i conti con il proprio passato e decidere il proprio futuro.


In una Londra nebbiosa, che l’autrice descrive in modo talmente accurato da farne sentire al lettore la pesantezza, la sporcizia, i malsani effluvi industriali, i due protagonisti dovranno fare chiarezza all’interno di loro stessi sfuggendo al contempo ad un assassino che sta cercando il veggente.


“E quello che stavano facendo era così perfettamente sbagliato. «Tu…sei l’uomo peggiore…che io abbia mai conosciuto.»

*

"Sei una ribelle, testarda, turbolenta, inarrestabile, insopportabile, maledetta seccatura e io ti vedo, Justin Lazarus. So chi sei. C’ero nel tuo momento peggiore, quando eri più vulnerabile. E riesco solo a pensare che sarà un vero spettacolo vederti al tuo meglio."


L’autrice ha costruito una trama molto intrigante, con un’attenzione particolare verso i trucchi di prestidigitazione in voga all’epoca e una descrizione molto realistica della Londra del tempo tanto da farmi vivere con Lazarus e Nate per le strade della città.

Vi anticipo che il romanzo non è autoconclusivo, quindi per sapere cosa succede ai due protagonisti dobbiamo attenderne il seguito.


Un abbraccio, la vostra Birba

IL LIBRO:

Nelle sordide strade della Londra vittoriana, una passione indesiderata divampa tra due nemici giurati quando un letale segreto li costringe a collaborare.


Il giornalista d’inchiesta Nathaniel Roy è deciso a smascherare gli spiritisti, che sfruttano il dolore delle persone rese vulnerabili dal lutto. Il primo nome sulla sua lista è il cosiddetto Veggente di Londra, Justin Lazarus.


Nathaniel si aspetta uno spietato truffatore da quattro soldi. Ciò che non si aspetta è di incontrare un uomo dal sorriso peccaminoso e con gli occhi di un angelo caduto, né che quello sfacciato imbroglione riesca a riaccendere il suo desiderio per la prima volta dopo anni.


Justin non prova alcun rimorso per le bugie che racconta durante le proprie sedute.

I suoi sprovveduti clienti lo annoiano. Mentre l’ostile, scettico e assolutamente irresistibile Nathaniel è per lui una seducente sfida. E mentre lo scontro di volontà e di menti si surriscalda, Justin scopre di non riuscire a smettere di pensare all’uomo che è tanto determinato a rovinarlo.


Ma tra Justin e Nathaniel c’è ben di più della crescente ossessione che nutrono l’uno per l’altro. Si trovano entrambi coinvolti nei segreti di una famiglia aristocratica, e Justin è in possesso di informazioni che potrebbero rivelarsi fatali. Assediato da assassini e fanatici nella nebbia londinese, Justin si rende conto che Nathaniel è l’unico uomo di cui possa fidarsi. E forse anche l’unico che possa amare.

Le Gatte ringraziano la Triskell edizioni per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.

4 visualizzazioni

Collaborazioni

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon