"Frammenti" di Melissa Spadoni

Amici delle gatte, oggi vi presentiamo una new entry nel mondo delle gatte, si tratta della nostra Artemis, che per questo debutto ha scelto di parlarci di una sua lettura: "Frammenti" di Melissa Spadoni.

Curiosi? Noi si, andiamo a leggere cosa ne pensa......


SINOSSI:


Fanny, 29 anni, è una ragazza come tante altre.


Lavora in un cinema multisala, esce ogni tanto con le amiche, le piace correre, cucinare e coccolare il suo fedele cane Magnus.


Sembra felice, senza particolari problemi, ma nessuno sa che in realtà Fanny è in fuga.


Sono dieci anni che si nasconde in una città che non è la sua, dieci anni che osserva allo specchio una persona che non riconosce più e che mente, anche sul proprio nome, a chiunque incontri.


Quando è ormai convinta di essere finalmente al sicuro, di aver ingannato tutto e tutti, la sua vita apparentemente tranquilla inizia piano piano a sgretolarsi.


Prima con il sopraggiungere di Sloan, un vicino di casa misterioso e sospetto che Fanny non riesce proprio a capire né tantomeno a evitare; poi con l’arrivo di un nuovo, piccolo e orribile frammento proveniente proprio da quel passato che si è tanto sforzata di seppellire.

Riuscirà Fanny a sconfiggere i demoni che da dieci anni governano i suoi incubi e a ricomporre tutti i frammenti della propria vita per tornare, finalmente, la vera sé stessa?


RECENSIONE

a cura della nostra Artemis:



Graffianti e docili gatte eccomi a voi con una recensione calda, calda.


Ho letto l’ultimo lavoro della Spadoni, autrice che conoscevo già con il suo libro precedente “Un adorabile bastardo”.


Questa è una storia un po' diversa, un romanzo rosa con un risvolto thriller; l’autrice si è infatti dilettata inserendo nella trama una venatura di giallo.


Ma partiamo dall’inizio.


La storia parla di Fanny, una ragazza che vive a Saint Cloud, un piccolo paesino del Minnesota e lavora nell’unica multisala lì presente, sua grande passione fin dai tempi dell’università.

È una ragazza all’apparenza normale, senza grilli per la testa, che ama correre e coccolare il suo fedele amico a quattro zampe, Magnus.

Ma la nostra protagonista nasconde un orribile segreto.


Dieci anni prima, negli anni dell’università, ha dovuto affrontare la più terribile delle esperienze: una sera rientrando nella camera del dormitorio, ha trovato la sua coinquilina, nonché sua migliore amica, uccisa in modo atroce.

Poco tempo dopo quel macabro fatto, ha iniziato a ricevere frammenti di una foto con delle lettere scritte nel retro.


Non creduta dalla polizia, Fanny si vede costretta a fuggire e ad assumere una nuova identità, cercando di mantenere un basso profilo.

Tutto sembra andare per il meglio, fino a che, nella casa accanto alla sua, non si stabilisce uno strano ragazzo di nome Sloan.

Da quel momento in poi, qualcosa precipiterà e un paio di frammenti torneranno a infestare di paura la vita di Fanny.

Ma chi è quel ragazzo così taciturno e sfuggente?


Questa è una cosa che dovrete scoprire da sole…io ci sono arrivata!

La scrittura dell’autrice è scorrevole e fluida, anche se ho trovato degli errori.

“Non capisco perché sono così improvvisamente agitata! Dovrei essere felice che finalmente l’FBI è arrivata e che magari questa storia sta finalmente volgendo al termine, eppure non riesco a rilassarmi!”

“Non lo dire nemmeno per scherzo!” lo ammonisco rapida. “Se tu e Magnus non entravate in casa, prima, sarebbe riuscito ad uccidermi!”


La storia è narrata in prima persona, dal solo punto di vista della protagonista, e questo è forse una pecca: se avessimo “sentito” anche la voce di Sloan sarebbe stato sicuramente un valore aggiunto.


Anche se devo ammettere che tutta la storia è ben incentrata su Fanny, e che, personalmente, sono riuscita ad entrare in empatia con lei.


Entrambi sono ben caratterizzati e attraverso le pagine riusciamo a percepirne sia la fisionomia, che il carattere.


Questa trama mi è piaciuta perché gli avvenimenti sono stati ben calibrati tra sentimento e apprensione.


La storia, l’intreccio, l’intrigo sono ben studiati, sono veritieri, sono concreti e fanno trepidare il lettore fino alla fine.


È un libro che cattura l’attenzione, tenendola alta e sempre all’erta.

Le scene di sesso sono calde al punto giusto, non scadendo mai nel volgare.

Quindi, tirando le somme, è un libro da leggere, soprattutto per chi non ama storie tranquille, ma che preferisce ragionare sull’avvenimento dei fatti e provare a scovare il colpevole…che non sempre è il maggiordomo.




A presto, mie care gatte!



Valutazione di lettura: 😻😻😻😻


10 visualizzazioni

Collaborazioni

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon