ย 

โ„‚๐• ๐•ง๐•–๐•ฃ ๐•ฃ๐•–๐•ง๐•–๐•’๐• - "๐•Š๐• ๐•ฆ๐•Ÿ๐••๐•ค ๐• ๐•— ๐”ธ๐•“๐•ค๐•–๐•Ÿ๐•”๐•–" ๐••๐•š ๐”ป๐•’๐•ฃ๐•š๐•’ ๐•‹๐• ๐•ฃ๐•ฃ๐•–๐•ค๐•’๐•Ÿ

Amici delle Gatte vi sveliamo oggi la Cover del nuovo libro di Daria Torresan, "Sounds of Absence" in uscita il 29 aprile.

SCHEDA LIBRO:


TITOLO: Sounds of Absence

AUTRICE: Daria Torresan

EDITORE: Self Publishing

GENERE: New Adult

DATA DI PUBLICAZIONE: 29 aprile 2022


TRAMA:


Autumn

Quattro anni prima, avevo scoperto cosโ€™era lโ€™odio.

Avevo visto mia sorella soffrire a causa del branco di bulli che lโ€™aveva sbeffeggiata per la sua diversitร , costringendola a trasferirsi in una scuola adeguata alle sue esigenze.


Li avevo detestati per quello.

E continuavo a detestarli, sebbene lei li avesse perdonati.


Perchรฉ io non ero come lei. Ero orgogliosa, rancorosa, a tratti vendicativa.


Piรน di tutti, odiavo Drake Sullivan, il playmaker titolare della squadra universitaria di basket.

La sua fama di bello e dannato risuonava anche al liceo, in cui frequentavo lโ€™ultimo anno.

I tifosi lo avevano soprannominato Metal Storm.

Io lo chiamavo lโ€™Anticristo.


Insolente e superbo, era convinto che il mondo girasse intorno a lui.

Era abituato a prendere tutto ciรฒ che voleva, senza chiedere. Non che mi importasse, fintanto che la sua strada non incrociava la mia.

Solo che poi decise di prendersi me.

Non aveva idea contro chi stava per scontrarsi.

Non lo avrei mai perdonato, ne ero certa.


Tuttavia, non avevo messo in conto ciรฒ che Drake Sullivan nascondeva a tutti dietro la sua faccia da schiaffi. Un qualcosa che avrebbe potuto trasformare il mio odio in un impulso molto piรน pericoloso: lโ€™attrazione.


Drake

Autumn Rylance non somigliava per nulla alla sorella timida ed empatica. Aveva una lingua tagliente come un nakiri e dei modi sferzanti. Nulla che io non potessi gestire, comunque. Era una di quelle persone che reputavo stimolanti. Forse ero strano di mio, ma piรน era complessa la mente e astioso il carattere di chi mi trovavo davanti, piรน ne ero attratto. Mi piaceva giocare con le loro teste come fossero cubi di Rubik: studiarle, comprenderle, manipolarle.


6 visualizzazioni0 commenti

Thanks! Message sent.

Collaborazioni

ย