Review Party - “Un posto sicuro” di Cristiano Pedrini

Amici delle Gatte buongiorno!

Esce oggi per la Queen Edizioni il libro di Cristiano Pedrini “Un posto sicuro”.

La nostra Duchessa lo ha letto per noi, anfia vedere cosa ne pensa......

SCHEDA LIBRO:


TITOLO: Un posto sicuro

AUTORE: Cristiano Pedrini

EDITORE: Queen Edizioni

GENERE: Romanzo storico

PAGINE: 280

FORMATO: eBook - cartaceo

PREZZO: € 1,99 - € 9,90

USCITA: 03 Agosto 2019

NB: Libro disponibile nei vari store.

TRAMA:


Siamo nella dura Inghilterra del 1863, quando nobiltà e povertà sono separate da un nettissimo e chiaro confine.

Il nobile Terence Arundell gestisce, suo malgrado, il grande opificio di famiglia, ereditiere di una ricchezza che tuttavia non gli inaridisce il cuore.


Ben presto, infatti, Terence si rende conto di poter fare del bene con tutto quello che ha e il destino pone sul suo cammino Jamie, giovanissimo orfano destinato a essere venduto in un bordello.


Grazie all’aiuto di Edward, suo fedele maggiordomo, Terence ospita il tredicenne nella sua magione e ben presto il ragazzino impetuoso e sarcastico lo metterà a dura prova.


Per Jamie trovarsi immerso nella splendida cornice di Trerice Manor significherà avere ogni giorno davanti agli occhi una classe sociale alla quale non appartiene, che non lo vuole, ma che soprattutto gli ha sempre fatto del male.


Sarà difficile confrontarsi, comprendersi e accettarsi per il nobile e il ragazzino.


Nonostante ciò, i due si affezioneranno l’uno all’altro, legati da qualcosa di più grande che non è solo accettazione delle diversità, ma anche umano affetto e la ricerca di qualcosa che li renda completi, come individui e come uomini, sullo sfondo di una società che avanza rapidamente verso il progresso.

RECENSIONE

a cura della nostra Duchessa:


Gattini e gattine,

oggi vi parlo del romanzo di Cristiano Pedrini, “Un posto sicuro”, edito da Queen Edizioni.


Siamo in Inghilterra, intorno alla seconda metà del 1800.


Nobiltà e povertà sono agli antipodi, separate da una linea immaginaria, ma rigida e ben definita.

Lord Terence Arundell, rimasto orfano, eredita l’attività del padre, però decide senza timore di ribellarsi alle regole della classe a cui appartiene.


Nonostante la sua enorme ricchezza, infatti, non gira le spalle a chi ha avuto meno fortuna di lui nella vita, ed è mosso dal desiderio di cambiare le cose.


Per questo decide di ospitare in casa sua, a Trerice Manor, un orfano, Jamie, che se non fosse stato salvato da Edward, fedele maggiordomo del nobile, sarebbe sicuramente stato destinato a un bordello.


Il ragazzo e il giovane uomo si scontrano, si confrontano e si compensano in maniera delicata e commuovente.

Per nessuno dei due è semplice stabilire una convivenza serena: Jamie si trova a disagio, intimorito da una classe sociale che teme e che lo ha sempre danneggiato, ma non ha paura di mostrare i sentimenti che nascono in lui; Terence invece, ha difficoltà a rapportarsi con l’esuberanza del ragazzino, che con la sua schiettezza a volte lo imbarazza, ma lo aiuta anche a riflettere sulla vita.