Review Party - "Qualcuno ha ucciso il mio editor" di Josh Lanyon

Amici delle Gatte buon pomeriggio.

Partecipiamo al Review Party dedicato al libro "Qualcuno ha ucciso il mio editor" di Josh Lanyon, primo volume della serie Holmes & Moriarity, pubblicato oggi da Triskell edizioni.

Per il Blog lo ha letto la nostra Birba, andiamo a vedere cosa ne pensa.....

SCHEDA LIBRO:


Titolo: Qualcuno ha ucciso il mio editor Titolo originale: Somebody Killed His Editor Autore: Josh Lanyon

Editore: Triskell edizioni Traduttrice: Raffaella Arnaldi

Serie: Holmes & Moriarity #1

Genere: Mistery Pagine: 280

Formato: ebook - cartaceo

Prezzo:€ 2,99 - € 12,00

Data di pubblicazione: 11 settembre 2020

Link di acquisto: https://amzn.to/3ig2irL


TRAMA:

Per sedici anni il solitario scrittore di gialli Christopher Holmes ha goduto di una carriera di grande successo, grazie alla popolarità dell’anziana investigatrice Miss Butterwith e del suo geniale gatto Mr. Pinkerton.


Ma le vendite di libri sono calate a parte che nella narrativa femminile, e al nuovo editor di Christopher non piacciono i detective attempati.


È un mondo tutto rosa quello in cui Holmes si ritrova catapultato.

Su esortazione della sua agente, Christopher accetta con riluttanza di partecipare a un convegno di scrittori presso una remota tenuta vinicola del Nord della California.


Ma non fa in tempo ad arrivare che già scopre il cadavere di una donna in pigiama in mezzo al bosco.

Se quasi due decenni passati a scrivere gialli gli hanno insegnato qualcosa, di sicuro la donna non deve essere morta per cause naturali.

Con una tempesta nel pieno della sua potenza e un ponte allagato che rende impossibile ricevere soccorso, sembra di stare in uno dei gialli ambientati in isolati manieri di campagna di Christopher!


Se solo ci fosse Miss Butterwith nei paraggi.

O persino Mr. Pinkerton…

a cura della nostra Birba:


Miciolosi ben trovati.

Ecco il primo libro di una nuova serie m/m che mi ha incuriosito a prima vista per il riferimento ad uno dei miei personaggi letterari preferiti.


Christopher (Kit) Holmes è un ex scrittore famoso, l’ideatore di Miss Butterwith, una investigatrice un po’ attempata e il suo assistente, Mr Pinkerton.

Holmes sta attraversando un momento di difficoltà con la sua casa editrice e per questo viene convinto dalla sua agente - Rachel Ving, detta Ving la spietata - a partecipare ad un convegno di scrittori; scopo della partecipazione è proprio riuscire a parlare con il suo editor, Steven Krass - detto Satana - per convincerlo a mantenere il contratto editoriale in essere, magari presentandogli nuove idee e nuovi personaggi.


Il nostro protagonista, già abbattuto dalla situazione e costretto a rinnovare totalmente il suo guardaroba per presentarsi al congresso, si trova ad affrontare un viaggio “avventuroso” – decisamente fuori dalla sua zona di comfort – mentre infuria una tromba d’aria talmente forte da abbattere il ponte e isolare la tenuta vinicola.

Mentre cammina verso la sede della riunione, fermatosi per cambiare le calzature ormai infangate e inzuppate, s’imbatte nel cadavere di una donna, la scrittrice Peaches Sadler.


Dopo questo inizio potremmo chiederci se a Kit potrebbe andare peggio….beh…come si dice “al peggio non c’è mai fine” perché, raggiunto finalmente il luogo del congresso e comunicato il macabro ritrovamento, altri due fatti mettono a dura prova il nostro povero protagonista: prima la presenza tra gli ospiti di JX Moriarity, un ex poliziotto ora scrittore di successo con cui Kit aveva trascorso un weekend di passione anni prima, poi proprio l’omicidio del suo editor, Stephen Krass.


Di “sospetti” ce ne sono molti, compreso il nostro Holmes, perché si scopre che entrambe le vittime – l’editor e la scrittrice – erano odiate da buona parte dei presenti.


Di chi si può fidare Kit?

Chi ha ucciso Stephen?

E Peaches?

E perché?

Gli omicidi sono collegati?


Il nostro protagonista, impacciato e insicuro, si muove in una California nebbiosa e piovosa come la cara vecchia Londra, tra un nutrito numero di sospetti e segreti del passato, ci racconta in prima persona questa sua inattesa avventura, e spero vi conquisti con la sua dolcezza e signorilità che si scontra con un mondo letterario cinico e orientato solamente al profitto.


Vi consiglio di leggerlo sotto una calda coperta magari davanti ad un caminetto acceso, per godere dell’atmosfera del libro.

Le Gatte ringraziano la Triskell edizioni per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.

12 visualizzazioni

Collaborazioni

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon