"𝓒𝓸𝓶𝓮 𝓾𝓷 𝓰𝓪𝓫𝓫𝓲𝓪𝓷𝓸" 𝓭𝓲 𝓔𝓵𝓲𝓪𝓷𝓪 𝓜𝓪𝓽𝓪𝓷𝓲𝓪 𝓡𝓾𝓰𝓰𝓲𝓮𝓻𝓸

Amici delle Gatte la nostra Birba oggi ci parla della sua ultima lettura.

Il libro, "Come un gabbiano" di Eliana Matania Ruggiero, pubblicato da Triskell edizioni il 13 marzo scorso. Cosa ne penserà...? Andiamo a leggere...

SCHEDA LIBRO:


Titolo: Come un gabbiano Autore: Eliana Matania Ruggiero

Editore: Triskell edizioni Genere: Contemporaneo Collana: Rainbow

Formato: ebook - cartaceo (disponibile su KU) Prezzo: € 2,00 - € 12,00

Data di pubblicazione: 13 marzo 2021

Link di acquisto: https://amzn.to/33Pscx0


TRAMA:

Cosa accadrebbe se un trentacinquenne ischitano, solitario e taciturno, si ritrovasse in compagnia di un ventunenne milanese, chiacchierone e vivace?

Andrea vive e lavora a Ischia, l'isola amata da molti turisti, dove è nato e ha vissuto fino ai dieci anni, e dove ha deciso di ritornare all'età di venticinque, nella speranza di ricostruire una vita che vede disintegrarsi dinanzi ai suoi occhi, senza riuscire a far nulla per impedirlo.

Prigioniero nell'anima, anche se circondato dal mare aperto, Andrea passa le sue giornate lavorando come cameriere in un ristorante e quasi tutte le notti a pescare sul vecchio pontile di Forio, pur di star lontano da quella casa in cui si sente soffocare ma che, per un contorto senso di responsabilità, non riesce ad abbandonare.

A disturbare le sue tranquille notti al pontile, come le giornate lavorative al ristorante, arriva però Daniele, un turista milanese chiacchierone, che lo fa impazzire chiedendogli i cibi più strani e che passa il suo tempo a meditare e leggere proprio dove lui ama pescare.

Per quale motivo quel ragazzino snob e dai gusti per lui discutibili lo assilla e non lo lascia in pace?


Andrea non lo sa, pur avendo l'iniziale impressione d'averlo già conosciuto e, resistendo alla tentazione di usarlo come esca, sopporta la sua presenza.

Può quella che sembra una spina nel fianco trasformarsi in qualcosa di piacevole e permettergli di tornare a volare?

In questa primavera che fa così tanto sospirare un po’ di caldo e di sole, vi invito ad Ischia per incontrare i protagonisti di un libro che ho avuto il piacere di leggere.

Daniele è un ragazzino quando per la prima volta incontra Andrea, bello e ombroso, sul pontile di Forio; qualcosa in quell’uomo lo attrae, forse il suo sguardo o forse è la sua visibile tristezza. È proprio questo che spinge il ragazzino a iniziare a parlare (è un chiacchierone). Andrea però non si rende nemmeno conto del ragazzino accanto a lui, il suo intero essere è sconvolto dai drammatici avvenimenti che lo hanno investito e di cui si sente responsabile.

Sì perché Filippo, il suo ex che purtroppo è tossicodipendente ed alcolista, ha tentato di togliersi la vita quando Andrea gli ha comunicato la sua intenzione di chiudere la loro relazione, che ormai si trascinava da tempo. Anni dopo, Daniele, con gli amici Alessio e Federico, ritorna a Ischia. Il suo desiderio è quello di sfruttare la vacanza universitaria per cercare di incontrare di nuovo il ragazzo che tormenta i suoi pensieri da quel giorno lontano.

“Sette anni prima quell’isola, che aveva visto per poco tempo, gli aveva lasciato un segno profondo nell’anima. Uno sguardo triste su un volto abbronzato aveva infatti turbato a lungo i suoi pensieri…”

E quando lo incontra al ristorante non riesce a crederci, né riesce più tardi a non seguirlo sul pontile, quando lo vede scendere in bicicletta a pescare. Sì perché Andrea la sera dopo il lavoro va sempre sul pontile a pescare, a ritagliarsi qualche ora di serenità, di quella serenità che solo il mare e la solitudine sanno dare alla sua anima oppressa dalle intemperanze di Filippo e dai suoi continui falliti tentativi di riabilitazione.

Ma quella sera la sua pace e la sua serenità sembrano “andare a farsi benedire” quando si ritrova tra i piedi quel ragazzo milanese, troppo loquace per i suoi gusti, che sembra abbia voglia di parlare “proprio” con lui… Inizia così una serie di incontri serali, dove Andrea suo malgrado sembra trovare una pace e una boccata d’aria fresca dalla sua vita oppressa. Ma più trova piacevole la compagnia del ragazzo, più si rende conto che non ha niente da offrirgli, intrappolato nei capricci del suo ex fidanzato

. Riuscirà Andrea a spiegare le ali e come un gabbiano volare libero nel cielo e trovare la sua felicità?

Miciolosi, questa storia ci permette di affrontare come lettori un tema molto difficile: la dipendenza di una persona cara, una condizione che finisce per influenzare la vita delle persone a lui vicine. Quel sentimento che fa sentire Andrea responsabile di quello che potrebbe accadere a Filippo se lui decidesse di allontanarsi.

L'autrice, con una narrazione scorrevole e coinvolgente, trasporta il lettore in una storia di rinascita, che spero vi regalerà momenti intensi.

Le Gatte ringraziano la Triskell edizioni per la copia digitale e il materiale del libro ricevuto in omaggio.



7 visualizzazioni0 commenti

Thanks! Message sent.

Collaborazioni