7 𝘽𝙡𝙤𝙜 𝙥𝙚𝙧 1 𝙖𝙪𝙩𝙤𝙧𝙚: 𝙇𝙤𝙧𝙞𝙨 𝙁𝙖𝙗𝙧𝙞𝙯𝙞

Amici delle Gatte per la rubrica "7 Blog per 1 autore", oggi vi presentiamo i personaggi del libro "L'ora della scimmia" di Loris Fabrizi, edito Pav edizioni.

TERZA TAPPA: CASTDREAM


Raccontaci qualcosa sui protagonisti del romanzo con descrizioni a livello fisico e caratteriale.


I protagonisti buoni cambiano nel tempo, sono diversi alla fine del romanzo rispetto all’inizio, affrontano le avversità, ma soprattutto affrontano loro stessi, maturano, anche se ciò non vuol dire automaticamente che diventino migliori. Gli antagonisti, al contrario, rimangono immutati nel corso della vicenda, e il loro cambiamento, ciò che li ha portati a essere quello che sono, viene narrato come storia passata. Secondo il filone di tutto il libro, il peccato è arrendersi all’idea di non poter essere migliori e rifiutarsi di accettare sé stessi e la responsabilità di avere un potenziale meraviglioso e pericoloso allo stesso tempo.


LOLO

Lolo è un ragazzo alle soglie dell’età adulta, alto, snello, con le spalle larghe, gli arti lunghi, un andamento generalmente scomposto e dinoccolato, come se i suoi muscoli avessero energia in eccesso che la mente non riesce a governare del tutto.


È lui la scimmia del titolo, infatti porta nei tratti somatici e nelle deformità dei piedi, i segni di una bestialità arcaica di cui dovrà comprendere l’origine.


Alla ricerca tanto del suo passato quanto di un possibile futuro, Lolo si sente in balia degli eventi e si lascia trasportare da ciò che gli accade attorno, fino a che non decide di accettarsi per quello che è di cominciare a decidere da solo dove lo porteranno i suoi passi e verso chi.





RASNIA


Rasnia è una ragazza nomade, dalla carnagione scura, i capelli neri e i tratti somatici forti e caratteristici, non una bellezza tipica, ma dotata di un grande fascino (almeno agli occhi di Lolo).


Nell’età del pieno sviluppo, mantiene ancora molti tratti fisici fanciulleschi.


Lo stesso può dirsi del carattere: è gioviale, nonostante le ombre dei dolori passati, è dolce e decisa allo stesso tempo, tiene in grande considerazione i suoi affetti familiari e le tradizioni della sua gente, ma le lunghe ore passate in compagnia dell’anziana del campo, hanno acuito la sua saggezza e la capacità di vedere il contesto più ampio.


Nel corso della storia anche lei maturerà e cambierà, in maniera radicale e dovrà riacquistare con il tempo la consapevolezza di ciò che credeva di essere.


NAHEL

Nahel si presenta come un uomo di mezza età (la classica età indefinibile), molto pallido, vestito in modo elegante, con un cappello in testa, un bastone dal pomo d’argento in mano, e occhiali scuri indipendentemente dalle condizioni di luce.


Appare calmo, quasi serafico, parla con un tono di voce appena superiore a un sussurro e i suoi modi sono gentili e affabili.

Per sua stessa definizione, Nahel è il male, il male necessario, tutto il male di cui gli uomini hanno bisogno.


Quindi, secondo la sua logica distorta, lui è uno dei buoni e questa contraddizione è alla base del suo agire nella storia pregressa e durante il romanzo.




IL LIBRO:


“Ti ripeti che un giorno verrà il tuo momento, la tua ora, ma nell’era degli uomini vuoti non verrà mai l’ora della scimmia!”


Alle soglie dell’età adulta, Lolo commette un errore, un piccolo furto, le cui conseguenze sembrano condurre alla morte di un uomo. Decide così di andarsene, fugge dalle accuse che lo vogliono colpevole, dal giudizio degli adulti, da un posto e da una vita che non riconosce più come suoi.


Abbandona la comunità di nomadi che lo ha accolto quando era un bambino senza passato e senza futuro e abbandona Rasnia, la ragazza per cui farebbe qualsiasi cosa.


La fuga lenta e senza meta di Lolo lo porta alla scoperta dell’indifferenza, dell’ipocrisia, dell’illusione e degli altri vincoli mentali ed emotivi che l’umanità pone a sé stessa per paura.


Attraverso incontri occasionali e situazioni in apparenza ordinarie impara a vedere oltre il Velo che ricopre la realtà e ne mistifica l’aspetto per volere di Nahel e dei suoi uomini vuoti, che fin dagli albori della civiltà si operano per diffondere la Grande


Menzogna e celare agli uomini il loro vero potenziale, meraviglioso e distruttivo allo stesso tempo...

Le Gatte ringraziano Loris Fabrizi per il materiale del libro ricevuto in omaggio e vi invitano a seguire tutte le tappe per conoscerlo meglio....


LUNEDÌ - Tutto sul romanzo - IO AMO I LIBRI E LE SERIE TV

MARTEDÌ - Ambientazione - IN COMPAGNIA DI UNA PENNA

MERCOLEDÌ - Cast Dream - TRE GATTE TRA I LIBRI

GIOVEDÌ - Un messaggio da scoprire - ANIMA DI CARTA

VENERDÌ - Un'immagine che racconta - LIBERA_MENTE

SABATO - Intervista all'autore - READING IN TRUE LOVE

DOMENICA - Intervista al personaggio - GLI OCCHI DEL LUPO

11 visualizzazioni0 commenti