𝓡𝓮𝓿𝓲𝓮𝔀 𝓟𝓪𝓻𝓽𝔂 - "𝓛𝓪 𝓫𝓮𝓵𝓵𝓮𝔃𝔃𝓪 𝓭𝓮𝓵 𝓶𝓪𝓵𝓮" 𝓭𝓲 𝓒𝓪𝓻𝓶𝓮𝓷 𝓦𝓮𝓲𝔃

Amici delle Gatte buon pomeriggio. Partecipiamo oggi al Review Party dedicato al libro di Carmen Weiz "La bellezza del male", secondo volume della serie Swiss legend pubblicato in self. La nostra Tati ha avuto il piacere di leggerlo per il Blog, andiamo a vedere cosa ne pensa....

SCHEDA LIBRO:


Titolo: La bellezza del male

Autore: Carmen Weiz

Editore: self publishing

Serie: Swiss legend #2

Formato: ebook - cartaceo (disponibile su KU)

Prezzo: 2,69€ - 11,50€

Data di pubblicazione:

Link di acquisto: https://amzn.to/2NPoEGI


TRAMA:


“Ti prometto la vita se mi prometterai la morte.”

Direttamente dalle foreste di pini in Svizzera arriva...


Si dice che il tempo guarisca ogni ferita, e forse queste parole portano con sé una certa verità.


Cosa succede, però, se le ferite non guariscono correttamente?

Quando i tagli lasciano delle orrende cicatrici e le ossa rotte si rinsaldano ma non tornano più come prima?

E quando si tratta dell’anima?


Se è rimasta coinvolta nella rottura, ritrovandosi lacerata e sofferente…


L’agente Sophie Nowack, delle forze speciali svizzere Enzian, lo sa bene.

Reduce da un terribile avvenimento, che le ha cambiato per sempre la vita, giorno dopo giorno si strugge per portarla avanti.

Un’esistenza fatta di segreti inconfessabili, celati dietro a un lavoro nel quale eccelle: infiltrarsi nei peggiori ambienti, attraverso volti che non sono mai il suo, alias che nascondono la sua vera personalità.


"Cosa puoi scegliere, quando non ti è rimasto niente?"


Le lancette del destino li ha allineati. Lei ha commesso un semplice errore e a quel punto il suo destino è passato nelle sue mani.

Per lei, il male non è mai stato così affascinante come nel momento della resa dei conti. Aveva le sembianze della persona che aveva sempre desiderato, colui che aveva posseduto i suoi sogni.


Carmen Weiz ritorna con una storia straziante, trattando uno degli abbandoni più dolorosi… quello della propria anima, e per farlo crea un antagonista di una crudeltà indimenticabile, e l'unica donna che possa fermarlo prima che nuoccia di nuovo.


"Correresti questo rischio? Metteresti in pericolo la tua incolumità, la tua anima, la tua vita…

Tutto per conoscere… la bellezza del male?"


Secondo volume autoconclusivo della serie Swiss Legends.

a cura della nostra Tati:


"Hai mai avuto la sensazione che ognuno di noi sia perso? Che l’umanità sia un tale fallimento..."


In ogni storia che leggo di questa autrice, oltre all'impronta thriller, che trovo molto intrigante e affascinante, ritrovo un argomento delicato, il dolore della perdita di una persona cara, che segna molto nel profondo. In questo romanzo ritroviamo Sophie, una ragazza che ha vissuto un'adolescenza felice, con la sua migliore amica e molti progetti per il futuro. Ma una sera durante una festa tutto questo viene cancellato dalla morte della sua amica. Questo evento segna Sophie nel profondo, un dolore che non riesce a lasciar andare.


Mi rannicchiai su me stessa, udii urla angosciate che non riconobbi , alcune strappate dalla mia stessa gola. Sentii l’oscurità che precede la morte attorno… dentro di me. In quel momento scoprii l’esistenza del male e della sofferenza. Erano arrivati nel mio piccolo, sicuro e protetto mondo.


Da quel momento non riesce più a vedere un futuro, un'àncora di salvezza, una via d'uscita dal dolore che prova. La sua vita prosegue in modo automatico, non pensa alle conseguenze delle sue azioni e soprattutto si spinge sempre di più verso il pericolo. Cerca nelle persone il male con la speranza di distruggerlo, senza pensare a sé stessa e agli altri. L'unica cosa che le da soddisfazione nella vita è dare la caccia ai criminali. È così che inizia la sua carriera come poliziotta, il suo intuito e la sua capacità di capire come catturare i criminali è efficiente, ma i suoi metodi sono poco ortodossi, sprezzante del pericolo, rischiando la sua stessa vita e quelle dei membri della sua squadra.


C’è chi riesce a convivere con il proprio passato, reinventando completamente la propria personalità per mantenersi a distanza da quanto accaduto. Altri, invece, scelgono di imballarlo e spedirlo in qualche area del cervello per poter dimenticare e andare avanti con la propria vita.


Il dolore della perdita, il senso di responsabilità verso la morte della sua amica, non l'abbandonano mai, e così facendo allontana qualunque persona si possa avvicinare troppo. Fidarsi delle persone per Sophie è quasi impossibile, ma ad un certo punto è necessario....


Devo dire che inizialmente è stata una lettura abbastanza impegnativa, il dolore che si percepisce fin dalle prime pagine è impressionante. Una perdita improvvisa, una colpa che non riesci a debellare, il peso che porta ma soprattutto l'incapacità di essere compresa fa male. La lettura poi diventa più intrigante e scorrevole.


È una storia di riflessione oltre che di suspance e colpi di scena davvero inaspettati. La vostra Tati consiglia questa lettura a tutti gli amanti del thriller.


Buona lettura, alla prossima!

Le Gatte ringraziano Carmen Weiz per la copia digitale e il file del libro ricevuto in omaggio.

13 visualizzazioni0 commenti

Collaborazioni

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Instagram Social Icon